“Donne, vita, libertà”: Volt è solidale con le donne iraniane e chiede la fine delle violenze da parte del governo

Condividi questo post

Il 13 settembre Jina Mahsa Amini, una donna curda di 22 anni, è stata arrestata dalla polizia morale di Teheran per non aver indossato correttamente l’hijab secondo le leggi della Repubblica islamica. Sotto la loro custodia la giovane donna è stata duramente picchiata e alla fine è morta.

In seguito alla morte di Jina Mahsa Amini sono scoppiate proteste di un’intensità senza precedenti che si sono diffuse a macchia d’olio in tutto il Paese. Quella che era iniziata come una protesta contro le regole dell’hijab obbligatorio (in vigore dalla fondazione della Repubblica islamica nel 1979) e per i diritti delle donne, si è trasformata in qualcosa di molto più grande: le persone si stanno opponendo al regime autoritario e ad anni di oppressione, violazioni dei diritti umani e arresti arbitrari.

Nonostante la repressione notoriamente violenta dell’opposizione politica da parte del regime, gli iraniani si sono già sollevati contro il regime in passato. Nel 2009, la Rivoluzione Verde è stata scatenata da elezioni truccate e, più recentemente, le proteste sono regolarmente esplose sullo sfondo del deterioramento dell’economia. La portata e la natura delle attuali proteste, tuttavia, sono straordinarie. Il dolore e la rabbia hanno unito giovani e anziani, uomini e donne, fedi e ambienti diversi. Le donne bruciano pubblicamente i loro hijab e si tagliano i capelli come atto di protesta emancipatorio. La gente canta “Donne! Vita! Libertà!”, “Siamo tutti Mahsa, siamo tutti in questa lotta insieme” e “Morte al dittatore”, riferendosi alla guida suprema dell’Iran Ayatollah Khamenei. I veicoli della polizia, simbolo delle violente vessazioni contro le donne, vengono dati alle fiamme. Mentre le donne e i giovani ventenni guidano le proteste, gli iraniani nel Paese e fuori si sono uniti dietro di loro non solo per solidarietà, ma anche per lottare per i loro diritti fondamentali e la libertà.

Sebbene i manifestanti siano disarmati, il governo sta usando una violenza eccessiva, comprese le munizioni vere, e di recente ha schierato l’esercito per reprimere la rivolta e limitare fortemente l’accesso a Internet. Sono stati segnalati migliaia di arresti e decine di uccisioni. Le proteste continuano imperterrite, sostenute da un numero sempre maggiore di celebrità, attori, artisti e atleti iraniani, e si stanno diffondendo a livello globale. Le manifestazioni si svolgono davanti all’Assemblea generale delle Nazioni Unite e alle ambasciate iraniane, oltre che nelle città di tutto il mondo. Il tentativo del regime di mettere a tacere e screditare i manifestanti rende ancora più cruciale la risposta e la solidarietà della comunità internazionale. Volt Europa condanna fermamente la violenza del regime e sostiene pienamente la lotta di tutti gli iraniani per la parità di diritti e la libertà.

Amplifichiamo tutti la voce degli iraniani facendo luce collettivamente sulla loro lotta, condividendo sui social media informazioni accuratamente studiate, unendoci alle proteste e chiamando all’azione i nostri rappresentanti. Chiediamo ai media di non dare spazio alla narrazione del regime iraniano, ma di fornire invece una piattaforma agli iraniani e agli esperti di diritti umani. Inoltre, i governi dovrebbero indagare con urgenza sulle società che facilitano la censura e limitano l’accesso ai social media. Chiediamo ai nostri governi di fermare immediatamente le deportazioni dei richiedenti asilo iraniani e di imporre sanzioni ai funzionari del regime. Inoltre, i nostri governi devono fare pressione per perseguire i funzionari iraniani coinvolti nella violazione dei diritti umani e per ottenere il risarcimento delle vittime o dei loro parenti.

Il cambiamento è possibile. Con ogni giorno di proteste e ogni donna coraggiosa che cammina per le strade svelate, la ritrovata fiducia in se stessi degli iraniani diventa sempre più irreversibile. Volt Europa è solidale con i cittadini iraniani nel loro cammino verso la libertà!

Subscribe To Our Newsletter

Get updates and learn from the best

Senza categoria

Mondiale Qatar 2022: non è il nostro mondiale

Non è il nostro mondiale I mondiali di calcio in Qatar valgono 6,500 vite umane. 2013: il giornale britannico The Guardian rivela le prime 42 morti, in un solo mese, di operai al lavoro sulle nuove infrastrutture per i Mondiali di calcio in Qatar, in programma per il 2022. 2021: l’anno scorso, sempre The Guardian

Senza categoria

Lotta alla violenza sulle donne: le iniziative delle amministrazioni targate Volt Italia

Oggi, venerdì 25 novembre, si celebra la Giornata contro la violenza sulle donne. Un tema che per noi è estremamente rilevante, perché se ci sembra assurdo che non ci sia ancora una parità di genere è facile immaginare quanto siamo disposti e pronti a esporci per interrompere il trend inaccettabile che vede le donne subire

Ti è piaciuto questo contenuto?

Condividi questa pagina con i tuoi contatti!

Torna su