Volt scende in piazza contro l’Europa di Putin

Condividi questo post

Il partito paneuropeo Volt ha organizzato una contestazione rivolta ai leader dell’Ue riuniti per il Consiglio europeo, venerdì al Castello di Praga (Repubblica Ceca).

Il raduno è stato organizzato da Volt Europa, le cui bandiere viola si sono aggiunte a quelle dell’UE e dell’Ucraina, mentre i partecipanti dipingevano le strade di viola con le proprie magliette.

#NOVETO è stato l’hashtag usato sui cartelli tenuti in alto dai manifestanti, un riferimento ai requisiti di unanimità dell’UE per approvare le sanzioni e prendere decisioni di politica estera.

Principale destinatario della contestazione è stato il primo ministro unghere Viktor Orban, leader che si ostina a bloccare le sanzioni alla Russia tramite il potere di veto e a diffamare le politiche dell’Unione Europea in patria. 

Il co-presidente Volt Italia, Gianluca Guerra, presente a Praga in occasione del raduno europeo, ha commentato “Oggi a Praga la voce dei giovani europei si è fatta sentire forte e chiara: a Orban, che continua a usare il potere di veto in modo strumentale, diciamo che l’Europa che vogliamo e che stiamo costruendo è invece unita, forte, democratica e solidale.”

Alla manifestazione ha partecipato anche l’europarlamentare Europeo di Volt, Damian Boeselager, che ha sottolineato ai cronisti la forza di mobilitazione del partito paneuropeo e ha ribadito l’impegno di Volt nel supportare l’aiuto all’Ucraina.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Volt Italia a Di Martedì su La7 con Francesca Romana D’Antuono

Nella scorsa settimana, Francesca Romana D’Antuono, Co-Presidente di Volt Europa, è stata ospite al programma Di Martedì su La7 condotto da Giovanni Floris! Francesca ha portato avanti temi politici e di attualità, confrontandosi con altri esponenti del mondo politico e giornalistico, evidenziando la posizione di Volt Italia su questioni cruciali.

L’intelligenza artificiale: gli impatti sulla società, la politica e il reddito universale

L’intelligenza artificiale: gli impatti sulla società, la politica e il reddito universale

Come l’intelligenza artificiale sta guidando i cambiamenti nel mercato del lavoro, nell’economia e nella società e le potenziali conseguenze in termini di reddito di base universale, riduzione dei costi e maggiore uguaglianza sociale. L’Intelligenza Artificiale (1), già presente da anni in molti settori, è ora arrivata all’attenzione del grande pubblico

Torna in alto